Un paese dentro la città - Il Rione San Saba a Roma | Bed and Rome and Breakfast

venerdì 2 dicembre 2016

Un paese dentro la città - Il Rione San Saba a Roma

Quasi tutte le città hanno i loro angoli appartati e suggestivi, fuori dai flussi del traffico. Ricordo, tra i luoghi che ho visto viaggiando, l'isola di Kampa, nel centro di Praga, e Gramercy Park in piena Manhattan, New York.
Roma non fa, da questo punto di vista, eccezione. Strade come il Clivo di Scauro, immutato da 1700 anni, sono come piccole gemme incastonate nel tessuto urbano della città.
Il rione di San Saba all'Aventino è un intero piccolo paese dentro il centro di Roma.
Compreso tra le mura Aureliane, nella parte che va da Porta San Sebastiano a Posta San Paolo, viale Aventino e viale delle Terme di Caracalla, è, insieme all'adiacente Celio, il rione più verde del centro cittadino. Dopo Campitelli, che peraltro comprende l'area istituzionale del Campidoglio e quella archeologica del Palatino e del Foro, è il rione meno densamente popolato.



Dopo la caduta dell'impero romano l'area rimase a lungo disabitata con l'eccezione della chiesa di San Saba e dell'annesso monastero che per secoli fu il più importante della città.

L'urbanizzazione della zona, peraltro limitata alla parte ad ovest, cominciò dopo la prima guerra mondiale con la realizzazione di case popolari destinate alla piccola borghesia impiegatizia mentre nel vicino rione Testaccio venivano costruite palazzi destinati agli operai.




Nella parte più alta del piccolo Aventino, in prossimità di San Saba, vennero realizzati villini bifamiliari e piccole palazzine intorno alla piazza intitolata a Gian Lorenzo Bernini. Allo stesso modo, tutte le strade intorno vennero dedicate ad altri grandi architetti come Borromini, Palladio, Bramante.
Tutta l'area venne organizzata per essere autosufficiente. Sulla piazza alberata con al centro il giardino con le panchine si trovano i negozi, il bar, il giornalaio e, poco distante il cinema oggi trasformato in teatro. Anche la scuola elementare si affaccia sulla piazza.
La dimensione paesana di San Saba non è stata alterata neanche dalle costruzioni più nuove veso viale Giotto o viale Aventino anche perché l'area centrale è fuori dalle direttrici del traffico cittadino.

Nessun commento:

Posta un commento