VITA DA B&B - GLI OSPITI ADOTTIVI | Bed and Rome and Breakfast

martedì 11 aprile 2017

VITA DA B&B - GLI OSPITI ADOTTIVI

Ospiti in arrivo

Nei b&b e nelle guest house esiste una categoria particolare di ospiti, quelli che io chiamo ospiti adottivi, che è quella che rende questo lavoro unico per le soddisfazioni che può dare dal lato umano.


Ci sono stati Sebastiano ed Enrico che una sera, mentre mi apprestavo a prepararmi la cena, hanno fatto irruzione in cucina intimandomi di levarmi di torno perché avrebbero cucinato loro e io dovevo fare da giudice su chi cucinava meglio la pasta. E contemporaneamente Antonella, la moglie di Sebastiano, spiegava ad Anna, una golosissima polacca cui dopo 5 anni passati a Roma era rimasta la nostalgia, come preparare alla perfezione il tiramisù.

Ci sta la dottoressa Manuela, romana trapiantata a Vienna che, capitata un giorno per caso con il marito, tedesco ugualmente trapiantato a Vienna, in transito verso una spiaggia del Sud, ha iniziato a tornare con regolarità portandosi appresso il resto della famiglia, il cane e poi anche gli amici per lunghi soggiorni stanziali a Roma. Le ho detto che la prossima volta che verrà le lascerò proprio le chiavi e me ne andrò in vacanza.

Ci sta Giancarlo, omone piacentino dal robustissimo appetito, tecnico nel settore della raffinazione del petrolio, il mio vecchio amore, che mi manda messaggi di saluto dall'angolo del mondo in cui si trova. E poi Attilio, che lavora per la stessa azienda, anche lui incapace di staccarsi dal settore oil & gas, che mi ha detto che a settembre andrà in pensione per la terza o la quarta volta ma che continuerà a viaggiare per mezzo mondo e a fermarsi qui al b&b, per scambiare con me quattro chiacchiere sempre sul petrolio. E insieme a loro va ricordato Marco, il capo del personale dell'azienda la cui colazione è sempre, invariabilmente, un caffè e un bicchiere di succo d'arancia.

E Natalia di San Pietroburgo e Veronica di Astrakhan, che sono venute qui a Roma al St. John Villa più di una volta anche per godersi il dolce far niente.

E poi tutto il gruppo delle psicoanaliste, ad iniziare da Stefania per poi continuare con Francesca, Luisa e via elencando, che frequentano una scuola di specializzazione qui vicino; per una che finisce il corso ne arriva un'altra nuova.

E voglio anche citare gli ospiti in autogestione di San Lorenzo Guest House e Villa Borghese Guest House, Lauro, Stefano e Giorgia che mi comunicano quando e con cui mi accordo per il ritiro delle chiavi e il pagamento.

Sempre a San Lorenzo Guest House ci sta Mario, ormai frequentatore da lunghi anni prima per studio, quando frequentava la Facoltà di Psicologia di fronte a noi e ora per lavoro (un lavoro del tutto diverso). si è talvolta improvvisato receptionist o manutentore e ci elargisce consulenze.

Comunque la capostipite della categoria è stata Carla, medico proveniente da Teramo ospite del St. John Villa per alcuni mesi. Ora, da un anno, lavora all'ospedale di Mestre e... beh quando il 19 marzo è stata la festa del papà è stata la prima a farmi gli auguri! Più adottiva di così non si può!

Ma chi è l'ospite adottivo, cosa lo contraddistingue?

L'ospite adottivo è quello che dopo un poco diventa uno di casa. Si sa di cosa ha bisogno e lui sa cosa può chiedere e quando.

Ma quand'è che un ospite diventa adottivo? Beh, ci vuole l'ospite giusto e il gestore giusto.

Non dimenticate di prenotare con noi
Non dimenticate di prenotare con noi
B&B e guest house sono appartamenti privati gestiti a livello familiare o di piccolissima impresa. Non dispongono quindi di tutto ciò che si può trovare in un albergo e hanno anche limiti posti dalle ridotte dimensioni e dal fatto di dover rispettare il vicinato. Non possono inoltre offrire servizi 24 ore su 24.

Un ospite che è profondamente consapevole di questo, che capisce che ci sono regole da rispettare senza bisogno che gli venga detto è il primo candidato.
Ma al tempo stesso il gestore deve essere il primo a capire che le regole che stabilisce non possono essere una camicia di forza in cui stringere l'ospite che, se sta in vacanza, ha voglia di rilassarsi e non pensare troppo e se invece è in viaggio di lavoro è già stressato dalla lontananza da casa e non ha certo voglia di stressarsi ancora di più. Insomma il gestore deve essere il primo ad infrangere le regole per venire incontro alle necessità dell'ospite rispettandole e così facendo si sarà guadagnato un amico.

Vincenzo


www.villaborgheseguesthouse.com

www.sanlorenzoguesthouse.com

Nessun commento:

Posta un commento